Ritiro moto usate: 5 motivi per non vendere ai privati

Spesso può capitare che a causa di incidenti o sinistri stradali la nostra moto risulti abbastanza danneggiata e in questi casi, i costi per la riparazione superano il valore stesso del veicolo. Visto che, ripararla non conviene in queste circostanze, possiamo optare per un servizio di ritiro moto usate.

Spesso può capitare che a causa di incidenti o sinistri stradali la nostra moto risulti abbastanza danneggiata e in questi casi, i costi per la riparazione superano il valore stesso del veicolo. Visto che, ripararla non conviene in queste circostanze, possiamo optare per un servizio di ritiro moto usate, un’azienda che si occupa proprio del recupero di veicoli danneggiati come moto e scooter. Si tratta di un vero e proprio mercato che si occupa del ritiro di veicoli sinistrati, un’alternativa alla rottamazione.

Perché affidarsi ad un servizio di ritiro moto usate professionale e sicuro?

Per offrire una soluzione alternativa alla rottamazione, esistono aziende che permettono di vendere al proprietario di una moto incidentata o sinistrata il proprio veicolo, che per i danni subiti non avrebbe alcun valore sul mercato e che per il quale costerebbe troppo anche la riparazione. Grazie a questi servizi è possibile quindi, vendere la nostra moto incidentata ricavando una cifra immediata in modo rapido e senza nessuna intermediazione.

In questo caso, affidarsi ad un’azienda seria e professionale è la scelta più sicura. Esistono infatti aziende specializzate in questo settore che operano da anni su tutto il territorio italiano e che offrono ai loro clienti servizi efficienti e trasparenti.

Per chi sceglie questa soluzione alternativa alla rottamazione del proprio veicolo, quindi, è fondamentale rivolgersi ad un’azienda seria e evitare i privati, con i quali si possono avere maggiori rischi. Su servizi di questo tipo possiamo trovare tantissime informazioni anche su internet, ad esempio, visitando il sito www.ritiromotoincidentate.com. Le aziende che offrono questa possibilità ai loro clienti operano seguendo un iter ben preciso, che mira a garantire la massima trasparenza al proprietario del veicolo. In generale, queste aziende si occupano di tutte le tipologie di motoveicoli, come ad esempio, scooter o moto usate.

Vendere una moto usata o sinistrata

Il servizio di ritiro moto usate è vantaggioso non solo per l’azienda che le acquista, ma anche per il proprietario che le vende. Per il proprietario del veicolo, infatti, è un’ottima possibilità di ricavare qualcosa da una moto incidentata e danneggiata che non potrebbe mai riuscire a vendere normalmente ad un qualsiasi privato.

Ovviamente, il servizio viene offerto solo per il ritiro di moto e scooter incidentati che presentano evidenti danni, che per un’eventuale riparazione costerebbero più del valore effettivo del veicolo. È possibile richiedere il servizio per le moto incidentate, fuse o demolite. Come abbiamo già detto, in questi casi affidarsi ad un’azienda seria è una garanzia, vendere a privati in queste circostanze può essere molto rischioso e si può andare incontro a spiacevoli inconvenienti.

Come funziona il servizio di ritiro e dove è possibile richiederlo?

Solitamente, il servizio di ritiro moto usate può essere richiesto dal cliente contattando l’azienda specializzata per e-mail o su WhatsApp. Per la richiesta il cliente deve quale è la moto incidentata che dovrà essere ritirata ed in base alle caratteristiche, l’azienda invia una proposta d’acquisto appena possibile.

Come abbiamo già detto, le aziende che offrono ai proprietari di moto questo tipo di servizio, operano su tutto il territorio italiano.

Nelle principali città italiane, infatti, esistono servizi di questo genere e tanti altri di noleggio auto, ogni azienda che si occupa del ritiro di veicoli sinistrati svolge un’attenta e accurata valutazione della moto incidentata prima di inviare la proposta di acquisto al cliente. Il servizio, inoltre, garantisce il ritiro del mezzo danneggiato direttamente sul luogo, rendendo ancor più facile e comoda la consegna al proprietario del veicolo.

Perché la demolizione non conviene?

Se facciamo un brutto incidente con la nostra moto e la riparazione non conviene economicamente perché i danni sono troppi, la prima alternativa che viene in mente è quella della demolizione. In realtà, anche se a volte può sembrare la scelta più vantaggiosa, per la demolizione è comunque necessario un esborso monetario abbastanza considerevole da parte del proprietario.

I costi per demolire una moto previsti dalla legge, infatti, prevedono un pagamento di circa 13.50 euro di emolumenti ACI e un ulteriore imposta di bollo che può arrivare fino a 48 euro. Infine, viene richiesto al proprietario anche un costo aggiuntivo per la spesa relativa al trasporto della moto usata verso il centro di demolizione. Per tutte queste ragioni, il servizio di ritiro moto usate conviene sicuramente di più della demolizione.

Post più Popolari

1

Consulenza digitale: in che cosa consiste e come si svolge

La consulenza digitale è uno strumento fondamentale per le aziende che vogliono migliorare il...

2

Issima, il tuo negozio di abbigliamento a Genova

La moda è sempre stata un campo di battaglia tra chi vuole avere un bell'aspetto e chi vuole...

3

Case sul lago di Garda: dove trovare le migliori?

Se si vuole acquistare una casa sul lago di Garda ad un prezzo d’occasione, sono poche le agenzie...