Viaggiare nel mondo: il planisfero l’esplorazione dei continenti

Informazioni, consigli e modalità di viaggio nel mondo

Il mondo è un posto meraviglioso e su questo non c’è dubbio, ma è anche vero che non se ne può avere la certezza fintanto che non vediamo ogni suo aspetto ed angolo, proprio la curiosità dell’esplorazione e della scoperta, intersecata nella natura dell’umanità, fa sì che ogni persona presente sull’emisfero sogna e desidera viaggiare ed avventurarsi ogni volta in posti nuovi, comprendendo e vivendo ogni aspetto dell’uomo presente sulla Terra.

Viaggiare è una passione che accomuna tutti, ma non sempre si riesce a farlo al meglio, ognuno di noi vive e si stabilizza in un punto preciso dell’emisfero, ma viaggiare è ciò che aggrada di più l’uomo. Ogni qualvolta si esplora un nuovo continente si viene accolti da tradizione e storia presenti in esso ed è proprio questo tipo di scoprire le culture che poi ci spinge sempre di più a viaggiare verso nuove destinazioni.

Viaggiare: come e quando

Questo è un argomento molto particolare, non è semplicissimo capire ed individuare il come e quando viaggiare, in quanto è una variabile che cambia molto di persona in persona in base ad esigenze, disponibilità e voglia di adattarsi. I modi di viaggiare sono tantissimi: Auto, treno, aereo, nave. Ma perfino a piedi o in bicicletta! Ogni modo di spostarsi potrebbe andar bene, ma il “come” non riguarda solamente la tipologia di mezzo che si adopera, infatti può esser interpretato “come poter viaggiare” e se serve qualche consiglio, sicuramente quello principale è l’informazione. Al giorno d’oggi il modo di informarsi prima di un viaggio è quasi banale, internet dispone di tantissimi consigli ed informazioni su ogni angolo del nostro emisfero, ma è anche vero che a volte vale la pena consultare una guida cartacea più approfondita, una su tutte sono quelle fornite da Lonely Planet che come consiglia tipintravel è effettivamente una delle modalità migliori per viaggiare informati senza sfruttare la connessione internet, nonostante ormai la si ha sempre a disposizione.

Il “quando” è però anch’esso una variabile veramente difficile da individuare, in quanto chiunque ha i propri impegni. Aumentano sempre di più le persone che decidono la vita da backpackers, in particolare sono quei tipi di persone che non hanno impegni di vita stabili, un lavoro da svolgere sul proprio territorio o chi decide di prendersi un periodo di tempo di pausa dalla quotidianità nel quale cerca di esplorare il più possibile il nostro pianeta. Questo tipo di persone non hanno problemi tempistici e seppur impiegano 5 giorni per un solo spostamento, riescono ad effettuarlo magari con pochi soldi, ma per chi invece lavora ogni giorno e non ha la possibilità di uno stile di vita “sempre in giro” è opportuno individuare al meglio le tempistiche, riuscir a sfruttare in pieno ogni giorno di riposo dal lavoro e calcolare tutti gli spostamenti ed il tempo necessario per effettuarli.
Quando si organizza un viaggio con largo anticipo tutto questo è possibile senza troppe difficoltà, non lo è allo stesso modo nel momento in cui viene improvvisato un viaggio. Ma anche nei viaggi improvvisati è sempre bene tenere in considerazione gli spostamenti e riuscir a sfruttare al meglio ogni momento del vostro viaggio.

Le caratteristiche dei viaggi

Se in un certo qual modo l’azione del viaggio è sempre la stessa: organizzazione, preparazione, partenza, viaggio, rientro. Il viaggio in se non è mai uguale ad un altro, se anche si decide di andare in una destinazione già visitata, con molta probabilità vi ritroverete a vivere una nuova esperienza, seppur simile, sicuramente differente da quella precedente nello stesso luogo. La regola non scritta ma risaputa è che “nessun viaggio è mai uguale a quello già vissuto”.

Proprio in riferimento a questo è importante cogliere ogni momento dell’avventura, imparare ed apprendere tutto ciò che ci viene messo a disposizione, riuscendo ad ampliare la nostra cultura e portar indietro al momento del rientro, non solo l’esperienza vissuta, ma anche un bagaglio di conoscenza sempre più ampio che viene arricchito ad ogni rientro nella propria città.

Le caratteristiche di un viaggio possono essere veramente molte ed il consiglio è quello di coglierle nel migliore dei modi, cercando di apprenderle in ogni dettaglio. Le cose da considerare possono essere di varie tipologie: il territorio, i monumenti, le piazze principali, la natura, i paesaggi, il cibo, la cultura e la tradizione. Queste sono solo alcune delle cose che possono esser considerate “caratteristiche di un viaggio” ma in realtà ce ne possono esser tante altre, il bello sta proprio nel tentare di scoprirle!

Questo articolo è volto a tutte quelle persone che non riescono sempre ad esser stimolate nel viaggiare, creandosi scuse ed indicando che non si ha la possibilità finanziaria, tempistica o fisica per farlo, sappiate però che chiunque può decidere come, quando e dove partire in ogni momento della propria vita. A volte serve più preparazione, altre volte un po’ meno, ma è sempre possibile viaggiare in qualche nuovo posto, basta solamente volerlo! Non è necessario abbandonare tutto e partire alla volta di un lungo viaggio, si può anche star fuori un piccolo ponte festivo o addirittura un weekend, l’importante è volerlo, per cui non vi resta che organizzare e viaggiare!!!

Commenta per primo questo articolo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*